IO RIVENDICO IL MIO DIRITTO DI DIRE "NON ME NE FREGA NIENTE"

Pensieri e Parole, Riflessioni ed Opinioni in Libertà
Avatar utente
Edmondo Dantes
Viola
Viola
Messaggi: 10
Iscritto il: sabato 18 aprile 2015, 18:43

IO RIVENDICO IL MIO DIRITTO DI DIRE "NON ME NE FREGA NIENTE"

Messaggioda Edmondo Dantes » domenica 19 aprile 2015, 10:01

perchè dovrei farmi carico dei guai altrui?
perchè dovremmo farlo?
non ne abbiamo già abbastanza dei nostri, di guai,
che ci dobbiamo caricare pure di quelli degli altri?

Avatar utente
Edmondo Dantes
Viola
Viola
Messaggi: 10
Iscritto il: sabato 18 aprile 2015, 18:43

Re: IO RIVENDICO IL MIO DIRITTO DI DIRE "NON ME NE FREGA NIE

Messaggioda Edmondo Dantes » lunedì 20 aprile 2015, 8:53

FACCIAMOCI 2 CONTI…
un immigrato paga 30 mila € per il viaggio in italia.
dicono di vivere, al loro paese, con meno di un dollaro al giorno.
il dollaro vale circa 80 centesimi di euro.
quindi il viaggio lo pagano come 37.500 giornate di lavoro,
cioè quasi 103 ANNI di lavoro (compresi sabati/domeniche/festivi).
Un operaio italiano guadagna circa 900 euro al mese (22 giornate di lavoro),
quindi circa 11.000 euro all’anno (escluse tredicesime ecc.).
se per andare in un paese “ricco” come la svizzera, la germania, gli usa, ecc.
il viaggio gli costasse 100 anni di lavoro,
il biglietto ammonterebbe a 1 milione e 100 mila euro,
a testa, ovviamente!
Quindi, mi chiedo,
quanto costa ad un immigrato venire qui come clandestino con tutta la famiglia?
E mi chiedo inoltre:
chi è quel cretino di operaio italiano che avendo più di un milione di euro in tasca,
emigrerebbe in america?

Avatar utente
Edmondo Dantes
Viola
Viola
Messaggi: 10
Iscritto il: sabato 18 aprile 2015, 18:43

Re: IO RIVENDICO IL MIO DIRITTO DI DIRE "NON ME NE FREGA NIE

Messaggioda Edmondo Dantes » martedì 21 aprile 2015, 8:13

QUEI CRIMINALI DEGLI SCAFISTI-SCHIAVISTI (e tutti gli -ISTI del mondo!)

prendersela con gli scafisti è l'ennesima manovra buonista di ricerca di un capro espiatorio!

un RIFUGIATO, con le carte in regola per vedersi riconoscere questo status garantito dalle leggi internazionali,
può recarsi all'ambasciata o al consolato della nazione dalla quale vuole essere accolto e ottenere il riconoscimento del suo stato.
la nazione provvederà direttamente a trasportarlo in un luogo sicuro ed assisterlo.
così dice la legge ed i trattati internazionali.
è gratis!

l'immigrato clandestino CHE SI SPACCIA PER RIFUGIATO, invece, prende il barcone sopportandone costi e rischi.

noi, naturalmente, ce la prendiamo con gli scafisti...
che è come prendersela, ansichè con il ladro, con il commesso della ferramenta che gli ha venduto il piede di porco!!!

per non parlare, naturalmente, dei terroristi...
i quali, per nostra fortuna, arrivano su barconi appositi con cartellini bene in vista e la scritta a caratteri cubitali "TERRORISTA"
così che i carabinieri (quelli che non sono di turno nelle barzellette) possano subito riconoscerli e bloccarli...

io di gente che soffre davvero, ne ho vista parecchia, in vita mia.
sono volontario del soccorso in C.R.I. dal 1980.
mi sono fatto l'irpinia, e varie calamità naturali in italia.
sono stato a nassiriya, e la squadra che è saltata in aria ha dato il cambio alla mia. quindi l'ho scampata per un pelo!!...
vi posso assicurare che quello che si legge sui giornali e si ascolta in tv, per il 99,9 % sono invenzioni giornalistiche!!
il vero disperato soffre e (spesso) muore a casa sua,
non prende barconi!!
quelli sono solo delinquenti che ci prendono in giro!
non credete a giornali e organi di stampa, ma andate a vedere di persona!
vi ricrederete su parecchie cose!!

buon buonismo&ipocrisia a tutti!!!

Avatar utente
Edmondo Dantes
Viola
Viola
Messaggi: 10
Iscritto il: sabato 18 aprile 2015, 18:43

Re: IO RIVENDICO IL MIO DIRITTO DI DIRE "NON ME NE FREGA NIE

Messaggioda Edmondo Dantes » martedì 21 aprile 2015, 15:00

QUALCUNO MI SPIEGHI...

a gibilterra, la distanza tra l'africa e l'europa è di circa 14 km...

cipro per metà è europa (si paga in € ogni acquisto) e dista dalla costa libanese/siriana circa 173 km...

la grecia (europa pure quella) con la turchia (islamica) ci confina di fatto...

lampedusa dista dall'africa circa 137 km, mentre la sicilia, circa 145 km...

PERCHE' GLI IMMIGRATI VENGONO TUTTI QUI????

sarà mica perchè la gracia e la spagna gli sparano addosso, anzichè accogliere i "poveri terroristi" a braccia aperte come facciamo noi...???

qualcuno mi spieghi...

Avatar utente
Edmondo Dantes
Viola
Viola
Messaggi: 10
Iscritto il: sabato 18 aprile 2015, 18:43

Re: IO RIVENDICO IL MIO DIRITTO DI DIRE "NON ME NE FREGA NIE

Messaggioda Edmondo Dantes » mercoledì 22 aprile 2015, 9:57

CREDO CHE IL SENTIMENTALISMO BUONISTA DILAGHI, ED IL RAZIOCINIO LATITI...

mi si spieghi...

REDDITO PRO-CAPITE (2013)

ITALIA:........................................................29.812 dollari USA a persona.
QATAR (paese musulmano)................................93.714 dollari USA a persona.
KUWAIT (paese musulmano)...............................39.874 dollari USA a persona.
ARABIA SAUDITA (paese musulmano) ....................30.477 dollari USA a persona.
EMIRATI ARABI UNITI (paese musulmano) ...............29.176 dollari USA a persona.
(Fondo Monetario Internazionale, World Economic Outlook Database, ottobre 2013)

perchè gli immigrati musulmani vengono qui?
ci sono paesi assai più ricchi di noi, dove è facile trovare lavoro e popolati da musulmani come loro...
quindi, se vengono qui, non è ne per la miseria, ne per stare meglio, ne per sfuggire a persecuzioni o guerre,
ma per altri motivi, è evidente!!

(mia Madre, morta un paio d'anni fa, aveva una pensione di 283 € al mese. doveva pagarsi le medicine, le bollette, l'affitto, e mangiare...
magari, se invece di lavorare tutta la vita, fosse arrivata qui su un barcone avvolta nel burka, forse stava meglio...!!)

Avatar utente
Edmondo Dantes
Viola
Viola
Messaggi: 10
Iscritto il: sabato 18 aprile 2015, 18:43

Re: IO RIVENDICO IL MIO DIRITTO DI DIRE "NON ME NE FREGA NIE

Messaggioda Edmondo Dantes » venerdì 24 aprile 2015, 9:59

FORSE IN ITALIA SARO' SOLO (FORSE)...
MA IN EUROPA SONO IN COMPAGNIA DI QUASI TUTTI!!!

Avatar utente
Edmondo Dantes
Viola
Viola
Messaggi: 10
Iscritto il: sabato 18 aprile 2015, 18:43

Re: IO RIVENDICO IL MIO DIRITTO DI DIRE "NON ME NE FREGA NIE

Messaggioda Edmondo Dantes » domenica 26 aprile 2015, 19:32

PROVIAMO A CHIARIRCI LE IDEE SU UN PUNTO...:

RAZZA (e razzismo):In biologia, il vocabolo razza si riferisce a particolari gruppi in cui vengono suddivise alcune specie biologiche. Sono gruppi identificati sulla base di una serie di caratteristiche che si trasmettono per via ereditaria.

Il termine razza cominciò ad essere utilizzato nel XVI secolo e raggiunse il suo apice nel XIX secolo, diventando una categoria tassonomica gerarchicamente equivalente a quella di sottospecie. Nel 1905, il Congresso Botanico Internazionale eliminò il valore tassonomico della razza. Tuttavia, il suo uso rimane nel linguaggio quotidiano ed è molto frequente nel caso di animali domestici.

Nel caso degli esseri umani (Homo sapiens), vi è opinione maggioritaria tra gli studiosi che non è opportuno usare il termine razza per riferirsi a ciascuno dei vari o differenti gruppi umani, ed è considerato più opportuno utilizzare i termini etnia o popolazione per definirli. Inoltre, molti scienziati ritengono che biogeneticamente, in riferimento agli esseri umani, non esistano "razze", se non nel caso di interpretazioni sociali.

Infine, ci sono alcune categorie di specialisti che continuano ad utilizzare la parola "razze" per accorpare gruppi di persone che condividono certe caratteristiche, ritenendo che i termini "etnia" e "popolazione" abbiano un significato prevalentemente culturale e geografico.
(wikipedia)

per farla breve, la "razza" è un qualcosa che identifica un essere vivente, in base alle sue caratteristiche estetiche, comunicabili ai figli per via genetica.
quindi il RAZZISMO è una dottrina ideologica che classifica gli individui in base alle caratteristiche genetiche che hanno. di conseguenza nascere con quelle caratteristiche colloca aprioristicamente all'interno di una determinata "RAZZA".

CULTURA:L’insieme delle cognizioni intellettuali che una persona ha acquisito attraverso lo studio e l’esperienza, rielaborandole peraltro con un personale e profondo ripensamento così da convertire le nozioni da semplice erudizione in elemento costitutivo della sua personalità morale, della sua spiritualità e del suo gusto estetico, e, in breve, nella consapevolezza di sé e del proprio mondo.
(treccani)

per farla breve la "cultura" è un qualcosa che si acquisisce DOPO la nascita, e non dipende dalla genetica, cioè non può essere comunicato dai genitori ai figli se non dopo la loro nascita e per mezzo dell'insegnamento.

FACCIAMO UN DISTINGUO TRA RAZZE E CULTURE:

molti americani di colore (NEGRI) frequentano con successo le migliori università del paese.
sono persone assai erudite e a nessuno di loro verrebbe in mente di mangiarsi un altro essere umano, sebbene tra i loro lontani antenati il cannibalismo veniva praticato usualmente. se ne deduce che L'APPARTENENZA GENETICA NON CONTA UN CAZZO!!!
ma casomai la cultura è fondamentale.
sempre in africa, a tutto adesso, molte popolazioni praticano il cannibalismo e uccidono i bambini albini perchè portano sfortuna...
questione genetica o di CULTURA?

noi BIANCHI (detti "caucasici") non siamo tutti uguali, no-no!!
sebbene tutti dello stesso colore, o poco sfumati, abbiamo CULTURE assai diverse.
per molti albanesi (BIANCHI) la donna è un oggetto che si può comprare e vendere, o magari portare a battere il marciapiede...
per alcuni rumeni, pure...
per noi italiani, e per la maggior parte degli europei degni di questo nome, la Donna è una persona, prima di tutto!
e per questo ben degna d'ogni Rispetto!
non è un oggetto che si compra e si vende, non la si porta a battere il marciapiede e non la si aggioga insieme con animali da soma per tirare l'aratro come avviene in nord africa (fatto dai bianchi, ovviamente).

ORBENE:

la distinzione tra RAZZA e CULTURA non mi pare abbia nulla a che fare con il RAZZISMO DI HITLER NE CON IL CULTO DELLA RAZZA DEI NAZISTI!!!

piuttosto mi pare doveroso DISTINGUERE tra CULTURE che con noi non hanno nulla a che spartire, e CULTURE a noi affini.
lasciando che chi ci vive, tra le prime, bolla nel suo brodo senza che ci sentiamo in qualche modo obbligati a portarli sulla nostra strada, che oltretutto è pure una ingerenza che ci arroghiamo il diritto di compiere in modo del tutto arbitrario...
che restino a casa loro e facciano LI quello che vogliono!!
(ma non rompano le palle a noi, ne vengano a casa nostra a comandare)

Avatar utente
InChanto
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 147
Iscritto il: venerdì 16 marzo 2012, 21:14

Re: IO RIVENDICO IL MIO DIRITTO DI DIRE "NON ME NE FREGA NIE

Messaggioda InChanto » domenica 26 aprile 2015, 20:38

Tranquillo, che i migranti in Italia non ci vogliono stare, è solo un punto di passaggio per l'Europa, non roderti il fegato.
Video Meliora Proboque Deteriora Sequor

Avatar utente
Edmondo Dantes
Viola
Viola
Messaggi: 10
Iscritto il: sabato 18 aprile 2015, 18:43

Re: IO RIVENDICO IL MIO DIRITTO DI DIRE "NON ME NE FREGA NIE

Messaggioda Edmondo Dantes » lunedì 27 aprile 2015, 8:46

GIRANDO PER LE STRADE DELLE CITTA' ITALIANE, NON MI PARE, SINCERAMENTE, CHE LE COSE STIANO COME DICI TU...

girando per i bilanci di certe cooperative, invece, capisco il perchè lo dici...

Avatar utente
Edmondo Dantes
Viola
Viola
Messaggi: 10
Iscritto il: sabato 18 aprile 2015, 18:43

Re: IO RIVENDICO IL MIO DIRITTO DI DIRE "NON ME NE FREGA NIE

Messaggioda Edmondo Dantes » lunedì 27 aprile 2015, 9:06

caro admin...
quando ho iniziato a scrivere qui, il forum non era molto frequentato (diciamo pure che era morto, va'...).
da quando ho iniziato a scrivere le mie "sciocchezze" (si dovranno pure accontentare i buonisti, no?),
sembra proprio che le visite siano aumentate (finalmente per te!!), non ti pare?

forse certi argomenti vanno trattati con serenità e non con pregiudizi prodotti dal conformismo.
conformismo sempre meno di moda, direi...
magari bisogna avere il coraggio di dire quello che tutti pensano (in segreto) ma non dicono (in pubblico) per timore del dileggio sociale...
peraltro assai minore che nel passato. fatti un giro su fb o altri social e ti renderai conto che avercela con i poveri immigrati, oggi come oggi, non comporta più l'infamante accusa di razzismo (di cosa si tratti l'ho spiegato sopra...).
magari ci si para dietro il "AIUTIAMOLI A CASA LORO" o altre stupidaggini, mentre in realtà si rivendica il proprio diritto di dire "NON ME NE FREGA NIENTE", perchè ho problemi miei da risolvere... disoccupazione, precariato, pensioni da fame, sfratti, ecc. ecc.

poi, sempre sui social e pure in parlamento, c'è chi dice "RIMANDIAMOLI A CASA LORO!!! E SE MI VOLETE CHIAMARE RAZZISTA, FATE PURE!!!"
in assoluta controtendenza,
rispetto ad un buonismo fuori moda, ed oramai patrimonio di pochi nemici dell'interesse del popolo italiano (sai, quella cosa fatta da vecchi che non arrivano alla fine del mese e rovistano nei cassonetti... di giovani che non avendo lavoro non possono comprarsi una casa e sposarsi... di 35-40 enni che ancora non hanno un reddito che permetta loro di farsi una vita propria, e sono costretti a fare i "bamboccioni"...??? mentre vedono immigrati che saltano le classifiche delle case popolari, e le ottengono a dispetto del fatto che, come dici tu, vogliono andarsene dall'italia...)...
comunque ti ringrazio.
per ora sei l'unico che ha scritto qualcosa!!
amo la compagnia di chi non la pensa come me, perchè c'è da imparare.
chi concorda, invece, non insegna nulla e non ti stimola alla riflessione.
ancora grazie.


Torna a “L'insostenibile Leggerezza dell'Essere”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti