Costi della politica

Viva l'Italia, l'Italia che lavora, l'Italia che si dispera e l'Italia che si innamora
Avatar utente
Je_Suis_Clochard
Magnolia
Magnolia
Messaggi: 116
Iscritto il: venerdì 16 marzo 2012, 22:15

Costi della politica

Messaggioda Je_Suis_Clochard » sabato 14 aprile 2012, 16:06

Secondo stime, sono oltre 1,3 milioni le persone che vivono direttamente, o indirettamente, di politica.
Un esercito composto da oltre 145 mila tra Parlamentari, Ministri, Amministratori Locali di cui 1.032 Parlamentari nazionali ed europei, Ministri e Sottosegretari; 1.366 Presidenti, Assessori e Consiglieri regionali; 4.258 Presidenti, Assessori e Consiglieri provinciali; 138.619 Sindaci, Assessori e Consiglieri comunali.
A questi vanno aggiunti gli oltre 12 mila consiglieri circoscrizionali (8.845 nelle sole Città Capoluogo); 24 mila persone nei Consigli di Amministrazione delle 7 mila società, Enti, Consorzi, Autorità di Ambito partecipati dalle Pubbliche Amministrazioni; quasi 318 mila persone che hanno un incarico o una consulenza elargita dalla Pubblica Amministrazione; la massa del personale di supporto politico addetto agli uffici di gabinetto dei Ministri, Sottosegretari, Presidenti di Regione, Provincia, Sindaci, Assessori Regionali, Provinciali e Comunali; i Direttori Generali, Amministrativi e Sanitari delle ASL; la moltitudine dei componenti dei consigli di amministrazione degli ATER e degli Enti Pubblici.
Ogni anno i costi della politica, diretti e indiretti, ammontano a circa 18,3 miliardi di euro, a cui occorre aggiungere i costi derivanti da un “sovrabbondante” sistema istituzionale quantificabili in circa 6,4 miliardi di euro, arrivando così alla cifra di 24,7 miliardi di euro.
Una somma che equivale al 12,6% del gettito Irpef (comprese le Addizionali locali), pari a 646 euro medi annui per contribuente.

Vediamo di seguito il dettaglio:

Per il funzionamento degli Organi dello Stato centrale (Presidenza della Repubblica, Camera dei Deputati, Senato della Repubblica e Corte Costituzionale, Presidenza del Consiglio, Indirizzo politico dei Ministeri) secondo il Bilancio preventivo dello Stato, quest’anno i costi saranno di oltre 3,2 miliardi di euro (82 euro medi per contribuente).
Per gli Organi di Regioni, Province e Comuni (funzionamento Giunte e Consigli) i costi ammontano a 3,3 miliardi di euro (85 euro medi per contribuente).
Per il funzionamento della Presidenza della Repubblica, Camera dei Deputati, Senato della Repubblica e Corte Costituzionale, per il 2011, sono previste spese per quasi 2 miliardi di euro.

Per il funzionamento della Corte dei Conti, Consiglio di Stato, CNEL, CSM, Consiglio Giustizia Amministrativa della Regione Sicilia, nel Bilancio dello Stato sono stati stanziati 529 milioni di euro.

Per il solo funzionamento della Presidenza del Consiglio, per il 2011, sono previste spese per 477 milioni di euro.

I costi per l’indirizzo politico dei Ministeri (che comprendono esclusivamente i costi di funzionamento dei Centri di responsabilità amministrativa quali il Gabinetto e gli uffici di diretta collaborazione all’opera del Ministro) ammontano nel 2011 a 226 milioni di euro.

Nel 2010 il solo costo per il funzionamento dei Consigli e Giunte Regionali è stato di circa 1,2 miliardi di euro, pari al 14,1% del gettito derivante dall’Addizionale Regionale IRPEF.

Per le Province il costo per il funzionamento dei rispettivi Consigli e Giunte, come si ricava dai certificati consuntivi del 2008 (ultimo dato omogeneo pubblicato dal sito del Ministero degli Interni) è stato di circa 455 milioni di euro.

Per i Comuni, comprese le Comunità Montane e le Unioni dei Comuni, nel 2008 (vale lo stesso discorso delle Province) il costo per il funzionamento delle Giunte e Consigli è stato di oltre 1,6 miliardi di euro, che equivale al 55,8% del gettito delle Addizionali Comunali IRPEF.

Per le consulenze, gli incarichi, le collaborazioni e le spese per i comitati e varie commissioni la spesa nel 2009 è stata di 3 miliardi di euro.

Per i compensi, le spese di rappresentanza, il funzionamento dei consigli di amministrazione, organi collegiali, delle Società pubbliche o partecipate ed Enti, locali e nazionali, si sono spesi nel 2010 2,5 miliardi di euro.

I costi di gestione del parco auto della Pubblica Amministrazione (auto blu e grigie), secondo una stima molto prudente, ammontano a circa 4,4 miliardi di euro l’anno.

Il costo per la direzione delle 255 Aziende sanitarie e ospedaliere è di oltre 350 milioni di euro; mentre il costo dei Consigli di Amministrazione degli Ater/Aler è di circa 40 milioni di euro.

I costi per il personale contrattualizzato, di nomina politica, per le Segreterie di Presidenti, Sindaci e Assessori, secondo nostre stime, si aggirano intorno a 1,5 miliardi di euro l’anno.

Fin qui i costi diretti e indiretti della politica per un importo – come già sopra precisato - pari a 18,3 miliardi di euro.

Si possono, inoltre, ottenere risparmi di spesa, quantificabili in almeno 6,4 miliardi di euro, approntando una riforma per ammodernare e rendere efficiente il nostro sistema istituzionale.
Basti pensare, ad esempio, che se le Province si limitassero a spendere risorse, soltanto per i propri compiti attribuiti dalla Legge, il risparmio sarebbe quantificabile in 1,2 miliardi di euro annui.
Inoltre, se si accorpassero gli oltre 7.400 Comuni al di sotto dei 15 mila abitanti, il risparmio ammonterebbe a circa 3,2 miliardi di euro. Senza contare che con una più “sobria” gestione del funzionamento degli uffici regionali, si potrebbero risparmiare 1,5 miliardi di euro.
Oltre 500 milioni di euro l’anno potrebbero arrivare da una razionalizzazione del funzionamento dello Stato centrale e degli uffici periferici, anche a seguito del decentramento amministrativo avvenuto in questi anni (come nel caso dei Ministeri del Turismo, dei Giovani, degli Affari regionali e di vari dipartimenti affidati a diversi sottosegretari).
È del tutto evidente che sarebbe impossibile una riduzione tout court dei costi analizzati. Riteniamo, tuttavia, che senza ridurre minimamente il servizio ai cittadini e senza intaccare i processi democratici, alla base delle Istituzioni, si possa determinare una riduzione del 20% dei costi diretti e indiretti della politica (18,3 miliardi di euro).
Si potrebbero così ottenere 3,7 miliardi di euro a cui aggiungere i risparmi per l’efficientamento delle Istituzioni pubbliche (6,4 miliardi di euro).
Si tratterebbe complessivamente di 10,1 miliardi di euro l’anno a disposizione per politiche fiscali e/o sociali a vantaggio di tutti i cittadini.
È significativo sottolineare che questa cifra sarebbe sufficiente per azzerare del tutto le addizionali regionali e comunali Irpef.
Se poi questa cifra dovesse essere dirottata esclusivamente a favore dei lavoratori dipendenti e pensionati si potrebbe, ad esempio, ottenere una permanente detassazione della tredicesima con un vantaggio economico pari a circa 400 euro in busta paga.


Fonte: http://www.uil.it/costi-perconferenza.pdf
Aver bisogno di essere approvato è come dire: "vale più il tuo concetto su di me dell'opinione che ho di me stesso.

Avatar utente
InChanto
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 147
Iscritto il: venerdì 16 marzo 2012, 21:14

Re: Costi della politica

Messaggioda InChanto » domenica 15 aprile 2012, 15:16

Ma chi rappresentano questi signori? Io da italiano non mi sento rappresentato da nessuno di loro. Fanno finta di litigare, ma poi, quando c'è da difendere la casta politica, si compattano e difendono ogni minimo privilegio.
Stanno facendo di tutto affinchè il popolo che ha avuto la fortuna di nascere e vivere nel Paese culla della civiltà, della cultura e dell'arte, si vergogni di essere italiano.


Giorgio Gaber - Io non mi sento italiano


Sergio Cammariere - Paese di finti
Video Meliora Proboque Deteriora Sequor

Avatar utente
bob
Tulipano
Tulipano
Messaggi: 32
Iscritto il: domenica 1 aprile 2012, 2:36

Re: Costi della politica

Messaggioda bob » domenica 15 aprile 2012, 16:32

A giugno i partiti andranno ad incassare dal tesoriere dello stato Euro 189.000.000, prima trance dei 290.000.000 di rimborsi elettorali annui. Alcuni partiti, la Lega per prima e per ovvie ragioni ( salvare la faccia ) , ha rinunciato ai rimborsi, altri sembra siano sulla stessa linea. Se rimanessero nelle casse dello stato basterebbero a scongiurare la possibilità dell’applicazione di ulteriori tasse su i carburanti in favore della Protezione Civile. Vediamo che succede !!!!!!!
Dire quello che si pensa e fare quello che si dice non è un obbligo, è un privilegio!

Avatar utente
Je_Suis_Clochard
Magnolia
Magnolia
Messaggi: 116
Iscritto il: venerdì 16 marzo 2012, 22:15

Re: Costi della politica

Messaggioda Je_Suis_Clochard » domenica 15 aprile 2012, 19:37

bob ha scritto:A giugno i partiti andranno ad incassare dal tesoriere dello stato Euro 189.000.000, prima trance dei 290.000.000 di rimborsi elettorali annui. Alcuni partiti, la Lega per prima e per ovvie ragioni ( salvare la faccia ) , ha rinunciato ai rimborsi, altri sembra siano sulla stessa linea. Se rimanessero nelle casse dello stato basterebbero a scongiurare la possibilità dell’applicazione di ulteriori tasse su i carburanti in favore della Protezione Civile. Vediamo che succede !!!!!!!


Sembra che siano intenzionati a rinunciare a quel rimborso, :D :D .....vero che hanno la faccia tosta....ma a tutto c'è un limite!!!
Aver bisogno di essere approvato è come dire: "vale più il tuo concetto su di me dell'opinione che ho di me stesso.


Torna a “Questa Strana Società”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti